ESTHETIC MEDICAL LASER

Radiofrequenza

La Radiofrequenza si sta confermando, soprattutto nel settore della Medicina estetica, come una valida ed efficace opportunità per intervenire su inestetismi legati a viso e corpo potendo trattare rughe, lassità cutanee e cellulite. Come spesso accade, non è sufficiente dire "Radiofrequenza" per garantire un prodotto di qualità, infatti per esempio, le apparecchiature utilizzate nei centri estetici non possono avere le stesse caratteristiche di quelle Mediche e spesso non sono usate correttamente.

Il trattamento con radiofrequenza è un’ottima procedura non chirurgica per appianare pliche e rughe rassodando profondamente i tessuti. Il calore controllato e localizzato stimola l’attività dei fibroblasti secondo il naturale processo di autoriparazione del derma, la sintesi di neocollagene, anche là dove il rinnovamento cellulare è rallentato o cessato a causa dell’età.  La radiofrequenza applicata localmente provoca una contrattura immediata delle fibre collagene a livello del derma profondo. Il risultato più eclatante è il piacevole rassodamento e la nuova tensione della pelle a livello profondo e superficiale. Le piccole rughe vengono eliminate, mentre le pieghe e le rughe profonde si attenuano notevolmente. La pelle appare più compatta, tesa e consistente. Si possono trattare tutti gli inestetismi legati al rilassamento cutaneo, in tutte le zone più critiche del viso e del corpo, come la cellulite, adiposità localizzate. Il campo elettromagnetico generato dalla RF agisce attraverso vari meccanismi: determina un aumento della perfusione della cute e del tessuto adiposo di pertinenza e un miglioramento del microcircolo con conseguente effetto drenante, stimola l’attività lipolitica e ha azione antiossidante: l’analisi mediante FRAS della concentrazione di radicali liberi locali ( idroperossidi) quale indice dello stress ossidativo della zona in esame ha evidenziato una riduzione del 27% delle cicatrici, smagliature (soprattutto allo stato di strie rubre, per il ben noto effetto della RF sul connettivo). Lo stimolo alla neoformazione di collagene determina la regressione delle smagliature in fase infiammatoria e il miglioramento di quelle ormai stabilizzate ( strie albae). L’effetto è subito evidente e si consolida nei mesi successivi. La cute trattata si presenta più spessa: il calore stimola infatti i fibroblasti a compiere il processo di autoriparazione del derma stimolando la sintesi di nuovo collagene anche nei casi di diminuito o rallentato rinnovamento cellulare, ad esempio legato all’età avanzata.
Anche nel caso in cui le strie albae non presentino importanti modificazioni, si evidenzia comunque un miglioramento della zona trattata in termini di qualità della pelle e incremento del tono cutaneo. L’effetto della RF da dei risultati decisamenti incoraggianti negli esiti cicatriziali da acne: come è intuitivo la stimolazione dei fibroblasti con neoformazione di collagene migliora le cicatrici acneiche. Tuttavia la RF trova indicazione anche nelle forme attive di acne volgare di media gravità, e talvolta risulta di ausilio anche in forme più gravi, come l’ acne nodulare.

C’è infatti un miglioramento della componente infiammatoria legato ad una inibizione dell’attività delle ghiandole sebacee (testimoniata clinicamente da una minore untuosità della zona trattata e istologicamente da una riduzione di volume delle ghiandole stesse).
Inoltre la RF determina una distruzione del Propionibacterium Acnes.Da non trascurare l’effetto drenante della RF, apprezzabile già immediatamente dopo il trattamento.

La RF è in genere ben tollerata: la sensazione descritta è di calore.
Le modalità operative sono semplici: il trattamento si esegue in ambulatorio. Dopo pulizia accurata della zona da trattare si procede al trattamento che ha una durata di 20-60 min., in base all’ area da trattare
La RF  non è invasiva: praticamente assenti gli effetti collaterali e le complicanze cicatriziali, dopo il trattamento può residuare un lieve eritema con modesto edema che scompaiono entro breve tempo consentendo la ripresa immediata della vita di relazione ( lunch terapy).
Non danneggia i follicoli piliferi né provoca discromie.
Può essere praticata su ogni tipo di pelle e su qualunque fototipo.
Non esistono interazioni con i raggi ultravioletti e quindi non ci sono limitazioni stagionali.
La RF  può anche essere utilizzata in ausilio ad altri trattamenti medici o chirurgici e anche a quelli non rivolti al ringiovanimento cutaneo.
La RF medica, ha ottenuto la certificazione FDA per il trattamento del viso nel 2002; nel 2006 è stata estesa anche ad addome, glutei, cosce e arto superiore (porzione tricipitale).
Costantemente migliorata è la qualità della pelle (texture) il cui colorito è migliore per induzione dei processi vasoattivi (maggior perfusione da parte del plesso subpapillare del microcircolo cutaneo). Inoltre possono essere veicolate varie sostanze.
I protocolli, stabiliscono che il numero delle sedute è variabile, in base all’ area da trattare.