ESTHETIC MEDICAL LASER

Cheratosi Seborroica

La cheratosi seborroica è una forma tumorale benigna che interessa la pelle; si manifesta con macchioline marroni - brunastre generalmente in rilievo. La superficie delle aree colpite da cheratosi seborroica tende a squamarsi e a formare crosticine untuose inclini a staccarsi.

Le cheratosi seborroiche si manifestano molto frequentemente nel volto e nel tronco di soggetti che hanno raggiunto l'età media avanzata, senza preferenza di sesso; il disturbo dermatologico si manifesta soprattutto nella razza caucasica, mentre è raro che gli orientali e i neri ne siano affetti.

Solitamente, le cheratosi seborroiche esordiscono con papule giallastre che s'imbruniscono e si squamano con il passare del tempo. Le papule possono presentare dimensioni diverse, sia in base al soggetto, sia in base all'area interessata dalla cheratosi: in genere, si registra un diametro da 1 millimetro a 1 centimetro, ma si sono registrati casi in cui le papule sono ancor più evolute.
Spesso, le cheratosi seborroiche sembrano appena allacciate alla pelle e danno la sensazione di staccarsi facilmente. Proprio a causa della precarietà con cui le cheratosi seborroiche sono annesse alla cute, non è raro che si possano eradicare, parzialmente o completamente, in seguito ad un trauma.
Considerata la somiglianza con le verruche, la cheratosi seborroica è nota con il termine verruca seborroica: le formazioni seborroiche non sono contagiose, né infettive e, contrariamente alla cheratosi attinica, non possono evolvere in forme tumorali maligne.

Un'altra differenza che distingue la cheratosi attinica dalla seborroica è che quest'ultima non presenta correlazione alcuna con l'esposizione ai raggi solari.

La ricerca eziopatologica è tutt'oggi motivo di studio. L'unica connessione che gli studiosi sono riusciti a comprovare è stata la familiarità: sembra che le verruche seborroiche siano trasmesse geneticamente in modo autosomico dominante. È cero, però, che la crescita, quindi l'evoluzione, delle cheratosi seborroiche è potenziata da alterazioni ormonali o irritazione, pur non costituendo la causa scatenante: per questo motivo la menopausa, momento di elevata modulazione ormonale, coincide con il potenziamento delle verruche seborroiche.
Qualora le cheratosi seborroiche presentino una crescita sregolata ed eccessiva, il disturbo potrebbe avere ripercussioni estetiche notevoli

I trattamenti per asportazione delle verruche seborroiche non sono necessari, se non per motivazioni estetiche. In tal caso, la diatermocoagulazione, la crioterapia, il laser e l'asportazione chirurgica rappresentano possibili soluzioni per l'eliminazione delle cheratosi seborroiche. Per ridurre al massimo il rischio di aree cicatriziali è preferibile effettuare la rimozione con metodica laser.