ESTHETIC MEDICAL LASER

Lentigo

Quest’ultime sono  più visibili e conseguenti all’invecchiamento della pelle
Si tratta di macchie color marrone più o meno scuro, senza rilievo, di varia  superfice (da 2 a 3 mm di diametro fino a 8/9 mm). Per la maggior parte si trovano sulle parti del corpo più esposte al sole; come il viso, le mani o la scollatura . Non si tratta di invecchiamento genetico della pelle, ma piuttosto degli effetti accumulati sulla pelle dai raggi ultravioletti.

Di conseguenza il formarsi delle macchie dipende dalle esposizioni solari accumulate dall’infanzia : più ci si è esposti al sole, a lungo e senza protezione e  prima appariranno le macchie.


Esistono diverse tecniche per il trattamento di tali macchie :

  • Le creme depigmentanti  servono solo a schiarire l’ iperpigmentazione, temporaneamente.
  • L'applicazione di azoto liquido  (cryoterapia) realizzata dal medico consiste a spruzzare o applicare azoto liquido (- 180°) con un bastoncino su ogni macchia.
    Quest’applicazione è seguita da una intensa  sensazione di bruciatura.
    Nei giorni successivi le lesioni trattate diventano più scure, quasi nere. In  seguito, 10 o 14 giorni  dopo,  si stacca una sottile pellicola che lascerà un leggero segno rosa che, nelle settimane seguenti,scomparirà e si  ritroverà il colore della propria pelle. Questa tecnica puo’ essere utilizzata su lesioni poco numerose.. in alcuni casi può persistere un’ area cicatriziale o acronica
  • Gli acidi (tricloroacetico , cogico ,azelaico) sono dei trattamenti professionali il cui obiettivo è quello di schiarire in modo più marcato le iperpigmentazioni .Il limite di questi acidi è che non potendo aggredire le pigmentazioni in profongità  sono poco risolutivi, qundi il risultato è etstico è limitato.
  • Il  LASER e le luci pulsate rappresentano senz’altro le tecniche migliori  per rimuovere completamente tutte  le iperpigmentazioni. Il laser in uso è uno swicciato in associazione alle luci pulsate, che colpisceno selettivamente il pigmento  . 
    Durante le sedute LASER assistite, il paziente avverte un leggero senso di bruciore.  Subito dopo il trattamento, la macchia assume un colore grigio-brunastro, per diventare, nelle due settimane successive, color roseo. Occorrono comunque sottoporsi a più sedute, da un minimo di tre ad un massimo di sei . La metodica laser assistita, rimuove completamente la macchia

Cio’ nonostante :la protezione solare delle zone trattate dovrà essere rigorosa durante i mesi seguenti  sia se trattata col LASER che con l’ azoto liquido ; per evitare un rischio di pigmentazione reattiva.  Tale protezione solare dovrà essere prolungata per proteggere e per impedire l’apparizione di nuove macchie scure.